Notizie e comunicati

#Comunicati   luned 5 agosto 2019
Austria Under 19: Un altro Pianeta!

Ph. Credits: Manuela Pellegrini
A dare il via alla finale di questo Campionato Europeo Under 19 lAustria, che nonostante le corse del solido Haslwanter nel primo drive si vede costretta a puntare. Palla in mano dunque, il giovane QB svedese Ekberg si fa carico di allontanare lovale dalla propria end zone; e con un paio di corse personali la Svezia giunge a met campo. A dargli manforte Wachtmeister, che alternandosi RB e WR tira fuori delle soluzioni interessanti ma non riesce comunque a conquistare il primo down.

LAustria rientra dunque in attacco capitanata dal giovane Gruner; che ripartendo praticamente con lend zone alle spalle, subisce la pressione della difesa svedese e non riesce a chiudere il down. Durante il punt viene tuttavia chiamata una flag che regala il primo down automatico agli austriaci. A spiccare in questo drive offensivo Schneider, che manda in delirio lo stadio con degli ottimi after catch e, con una reverse eseguita da manuale, elude tutta la difesa ed entra in end zone. Con la trasformazione di Rock, lAustria passa in vantaggio per 7 0 quando mancano due minuti alla fine del primo quarto.

A ritornare il kickoff sulle 35 lo svedese Nesic, che si fa notare anche nel drive a seguire. Le sue corse tuttavia non bastano a chiudere il down e la palla torna allattacco austriaco. Questultimo riapre il drive con unottima corsa, ma a chiuderlo allazione successiva ci pensa Tour, che riceve 40 yard di pass in mezzo a due difensori e vola verso lend zone. Rock la piazza ancora in mezzo ai pali e lAustria allunga di due possessi.

Gli svedesi rientrano in campo e provano a scavalcare la difesa austriaca; ma il secondario avversario si rifiuta di concedere big play e con delle ottime coperture costringe la Svezia allennesimo punt. AllAustria bastano invece due passaggi ed uno screen pass su Rock, che da kicker si reinventa corridore e si beve la difesa avversaria entrando in end zone. Sar sempre lui poi a mettere lextra point e ad allungare sul 21 0.

Sette i minuti sul cronometro quando la Svezia rientra in campo guidata da Ekberg, che sfortunatamente esce a causa di un duro placcaggio rasoterra. A sostituirlo Nilsson, che comunque non apporta cambiamenti significativi e anzi subisce un duro sack da Egger. Sullennesimo punt svedese accade poi limpensabile: la palla tocca per sbaglio un giocatore austriaco e a ricoprirla Nordgren, che assicura al proprio team altri 4 tentativi. poi Wachtmeister, liberandosi di tre placcaggi, a guadagnare 20 yard e a giungere in red zone. Da qui la Svezia tenta di mettere i primi tre punti sul tabellone con un field goal, ma la pressione si fa sentire a tal punto che il kicker sbaglia.

LAustria riparte quindi dalle proprie 20 e grazie ad una pass interference guadagna subito un primo down. Gruner e Haslwanter ne guadagnano poi un altro, ma poche azioni dopo la formazione austriaca si vede costretta al punt di allontamento, che viene inoltre bloccato per un guadagno nullo.

Nel frattempo, Ekberg torna in cabina di regia ma la musica resta sempre la stessa; e i suoi passaggi sembrano non preoccupare assolutamente limpenetrabile secondaria austriaca. Quando la palla passa di nuovo agli austriaci tuttavia, Gruner macchia la sua ottima prestazione lanciando un intercetto per Mayerhofer e ridando palla alla Svezia. Tuttavia, con 20 secondi allhalftime, c poco da fare e le squadre rientrano negli spogliatoi sul 21 0.

Il terzo quarto vede la Svezia rientrare in attacco e, come da copione, uscire poco dopo per ridare palla allAustria. Questultima cerca di chiudere il match il prima possibile e Gruner approfitta di un buco centrale per correre e guadagnare un primo down; a seguirlo Schutz, che elude la difesa avversaria saltando i difensori, rompendo un paio di placcaggi ed entrando in end zone un paio di giocate dopo. Con il calcio addizionale di Rock, il punteggio sale a 28 0.

La formazione dattacco svedese rientra di nuovo in campo quando mancano tre minuti allinizio dellultimo quarto, ma lAustria non ne vuole proprio sapere di prendere touchdown e riacquista possesso dellovale. Nella fase finale, entrambe le squadre non riescono a mettere altri punti sul tabellone; riuscendo comunque a regalare forti emozioni al pubblico presente onorando il campo e dimostrando un ottimo livello di football.

I due MVP della partita vanno per loffense a Schutz, vero mulo trainante dellattacco austriaco; e per la difesa a Nordberg. LMVP dellintero torneo invece Yannik Gruner, QB Austriaco che colleziona pi di 650 yard di passaggi e vince una settimana in Florida presso la rinomata IMG Academy.

Complimenti alle squadre tutte comunque, che hanno saputo onorare il campo con lealt e sportivit. Invidiabile infine, il sistema di gioco austriaco, che si riconferma tra i migliori in Europa per organizzazione e livello agonistico.